Teatro della Pergola

La Fondazione

Descrizione del Progetto

Il Teatro della Pergola costituisce una delle istituzioni culturali più amate in Firenze ed è uno dei teatri più antichi e ricchi di storia in tutta Italia.
Fondato nel 1652, la sua struttura originaria è opera di Ferdinando Tacca, figlio del celebre scultore Pietro Tacca, che aveva ricevuto l’incarico dall’Accademia degli Immobili, presieduta dal Cardinale Carlo de’ Medici. Fu inaugurato nel 1657 e l’ultimazione dei lavori avvenne nel 1661.

Da allora il Teatro della Pergola, che prende il nome da un pergolato che occupava l’attuale strada nelle adiacenze del vicino Ospedale di Santa Maria Nuova, è stato la sede di rappresentazioni in prosa ed in musica che lo hanno fatto eleggere a punto di riferimento costante per la città di Firenze e non solo, per quasi quattro secoli, ospitando gli artisti e le compagnie più famosi in Italia e nel mondo.
Nonostante i vari interventi subiti nel corso del tempo, gli ultimi dei quali a seguito dell’alluvione del 1966 e dei necessari lavori di adeguamento del 1988, il Teatro della Pergola mantiene un’elegantissima struttura architettonica ed una notevole funzionalità, con la possibilità di ospitare quasi 1.000 spettatori, grazie al suo ardito sistema di palchi sovrapposti, adottato in origine e per la prima volta in Italia in sostituzione del tradizionale sistema delle gradinate decrescenti semicircolari e con il suo ampio palcoscenico e retropalco adatto ad ogni tipo di spettacolo.

Nel corso della storia il Teatro ha conosciuto vari proprietari: l’Accademia degli Immobili impiegò oltre 60 anni a riscattare la proprietà del complesso dall’Arte della Lana, che ne era l’originario finanziatore. Da lì in poi, attraverso le vicende del Granducato prima e dello Stato Unitario poi, dal 1942 la Pergola è passato infine all’Ente Teatrale Italiano, soppresso nel giugno del 2010 con trasferimento direttamente al Ministero dei Beni Culturali il quale, in conseguenza delle note ristrettezze economiche, non poteva suo malgrado assicurare alcuna continuità nella gestione ed ancor meno nella programmazione.

A fronte di questa non facile situazione l’Ente Cassa ha ritenuto suo dovere non interrompere, ma anzi rafforzare quell’impegno a sostegno del Teatro che, proseguendo sulla strada già prima intrapresa dalla Cassa di Risparmio di Firenze, lo aveva visto negli anni sostenerne la gestione con importanti contributi economici.
La sua volontà di mantenere in vita una istituzione culturale di tale valore anche per la città di Firenze si è incontrata con l’uguale determinazione dell’Amministrazione cittadina: il Comune di Firenze è quindi divenuto proprietario del Teatro che gli è stato trasferito dal Ministero, mentre Ente Cassa e lo stesso Comune hanno costituito, il 9 settembre 2011, la Fondazione Teatro della Pergola che ha come scopo la gestione del Teatro, la programmazione delle stagioni teatrali, la realizzazione di spettacoli, la valorizzazione del patrimonio archivistico e documentario che fa capo all’istituzione e, certo non ultimo per importanza, la formazione nel campo dello spettacolo dal vivo. Si tratta di un’iniziativa di grande impegno che ha come primo obiettivo quello di garantire la continuità delle stagioni teatrali de la Pergola, ad iniziare dalla stagione 2011-2012, ad onta delle vicissitudini attraversate, e sulla quale si spera possano essere attratte altre risorse di sostenitori , animati da uguale passione e dallo stesso coraggio che ha caratterizzato l’intervento dell’Ente e del Comune.

Si tratta anche di una ulteriore dimostrazione di come, quando gli interessi e l’azione dell’Ente convergono con quelli di altri importanti attori sul territorio, ed in questo caso con quelli del principale soggetto di riferimento per la Città qual’è l’Amministrazione Comunale, su obiettivi specifici rientranti fra gli scopi e nell’ambito delle possibilità di erogazione dell’Ente, possano essere conseguiti risultati significativi, rilevanti e duraturi per l’intera comunità. nuovi spazi da destinare alle attività istituzionali.

Torna al settore “Arte, attività e Beni culturali”

Progetti simili

Torna su