Laboratorio Europeo di Spettroscopie Non-lineari

Descrizione del Progetto

L’Ente Cassa ha sostenuto lo start up del LENS, Laboratorio Europeo di Spettroscopie Non-lineari, dotato di nove linee di ricerca (atomic physics, biophotonics, disordered systems, matter under extreme conditions, molecular spectroscopy, nanostructures, optical properties of complex systems, quantum optics and frontier sources, ultrafast spectroscopy). Il laboratorio svolge attività di ricerca scientifica e training di giovani ricercatori nei campi della applicazione dei laser alla fisica, chimica e biologia. Il LENS fa parte dell’European Research Infrastructure Consortium. Il finanziamento di Ente Cassa è stato di circa 3 milioni di euro.

ll Laboratorio Europeo di Spettroscopie Non-lineari, l’Università degli Studi di Firenze e la divisione di ricerca internazionale di IBM hanno congiuntamente deciso di contribuire allo sviluppo delle conoscenze neurofisiologiche abbinando le competenze di imaging neuronale a quelle della scienza computazionale con l’obiettivo di realizzare un nuovo centro di ricerca internazionale nella figura giuridica di fondazione nel campo della neurofotonica computazionale (International Center of Computational Neurophotonics, ICON).

Esso ha come scopo principale lo studio dell’intera rete neurale del cervello in toto (connettomica). All’interno di ICON saranno sviluppati altri esperimenti mirati al collegamento tra la parte morfologica della connettonica e l’aspetto più funzionale.

Questi studi, in combinazione con la mappatura totale della rete neuronale, getteranno le basi per la comprensione delle regole di elaborazione del sistema nervoso centrale. ICON si pone quindi come fine quello di essere punto di riferimento nello studio della mente nel suo complesso, partendo dallo studio della topologia delle connessioni neurali fino allo studio di nuovi farmaci per il cervello.

Il “National Institute of Health” ha stanziato 30 milioni di dollari per il progetto connettoma che prevede il sezionamento del cervello in finissime fettine, la loro analisi con microscopio, e la ricostruzione tridimensionale dell’intera rete del cervello. La proposta alternativa italiana del progetto “connettoma” si basa invece sull’analisi del cervello in toto senza sezionamento in fettine mediante un nuovo sistema di tomografia ottica messo a punto presso l’European Laboratory for Non Linear Spectroscopy (LENS) a Firenze.

Proprio la fondazione ICON studia la ricostruzione tridimensionale dell’intera rete del cervello e applicherà tali studi al campo delle neuroscienze su patologie connesse ad anatomie di rete come l’autismo, la schizofrenia, il morbo di Huntington, o per connetterlo a meccanismi funzionali legati al panico, il dolore o ad applicazioni di staminali per la ricostruzione del danno. Utilizzerà anche tali studi per applicazioni farmacologiche e per collegare la struttura di rete con la funzionalità del cervello con misure accoppiate di risonanza magnetica funzionale. Il CNR ha espresso un forte interesse a far parte di ICON, così come l’Università di Firenze, l’EBRI, l’ospedale S. Raffaele di Milano, l’Istituto Besta di Milano, il Campus Biomedico di Roma, l’Istituto Italiano di Tecnologia.

Ricerca Scientifica

Torna su