Uffizi 3D – Il filmato

Arte e Beni culturali

Descrizione del Progetto

Ente Cassa di Risparmio di Firenze, storico erede della grande tradizione di finanza e credito che resero Firenze centrale nel mondo quattrocentesco, ha sempre sostenuto e continua a sostenere la città di Firenze e il patrimonio artistico e culturale fiorentino, rinnovando la tradizione del mecenatismo fiorentino.

Nell’intendo di massimizzare la propria missione utilizzando nuovi modi e mezzi di diffusione della cultura che coinvolgano il massimo numero di utenti e contemporaneamente promuovere in ambito internazionale Firenze e le sue imprenditorialità l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze si è mostrato sin da subito un moderno mecenate come lo fu Lorenzo il Magnifico.

Ente Cassa di Risparmio di Firenze, contribuendo alla produzione e distribuzione del filmato “Firenze e gli Uffizi in 3D|4K” ha voluto esaltare le bellezze artistiche rinascimentali,  la vivacità e l’importanza dell’economia fiorentina, a cominciare dai suoi banchieri, mercanti e artigiani, che hanno saputo produrre tali meraviglie.

Realizzato in collaborazione con sky arte. FIRENZE E GLI UFFIZI IN 3D|4K è molto più del classico documentario sull’arte: è un viaggio multidimensionale e multisensoriale nel Rinascimento fiorentino, attraverso le sue bellezze più rappresentative, avvalendosi delle più moderne tecnologie. Un progetto dal respiro internazionale per far scoprire al mondo intero i principali protagonisti del Rinascimento e della Galleria degli Uffizi: Botticelli, Brunelleschi, Raffaello, Caravaggio, Donatello, Michelangelo, Piero della Francesca e Leonardo.

Il documentario ha registrato alla sua uscita nelle sale italiane (novembre 2015) uno straordinario successo (250.000 spettatori in cinque giorni), affiancato da un’ottima copertura stampa, contribuendo in maniera efficace alla diffusione della centralità artistico-culturale di Firenze e all’intervento dell’Ente.
Il film è stato diffuso su oltre 60 paesi esteri, solo in Australia ha registrato una affluenza di pubblico di 10.000 spettatori in tre giorni risultando alla fine il documentario d’arte più visto nella storia dell’audiovisivo
L’impegno economico a sostegno dell’iniziativa è stato di € 50.000,00

Arte e Beni culturali

Torna su