Mirko, 16 anni, a Hong Kong per un anno

 

Quando si parla del futuro dei giovani l’immaginario corre con grande velocità ai drammatici bollettini sull’occupazione italiana. La cura del fenomeno appare ormai essere solo emergenziale. E’ difficile ormai pensare, pressati dai numerosi bollettini Istat che, invece,  diverse traiettorie per un cambiamento, certo non tempestivo,  devono essere disegnate partendo dai primi anni dei banchi di scuola.

Appare ormai evidente che oggi tra i vari fattori che aiutino ad orientarsi e a trovare presto la propria strada, in un mondo giovanile caratterizzato dal fenomeno generalizzato del  “disorientamento”, è fare esperienze, se possibile,  soprattutto all’estero.  Il confronto con altre culture, soprattutto se vissuto fin dall’adolescenza, è tra le esperienze che più di altre alimentano il pensiero critico e la costruzione di una visione più articolata del mondo.  Sono questi  i  percorsi che orientano.

L’Ente Cassa di Risparmio di Firenze anche quest’anno ha voluto sostenere l’esperienza  di scambio interculturale  portata avanti ormai da anni dall’Associazione Intercultura. Un anno all’estero in una famiglia di Hong Kong a 16 anni. Una famiglia dove Mirko, il vincitore della borsa di studio, potrà vivere con altri suoi coetanei, frequentare la scuola locale e partecipare attivamente ad un cultura ben diversa da quella occidentale.

La borsa di studio è stata ieri consegnata dal Vice Presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze Prof. Pierluigi Rossi Ferrini insieme con l’Avv Giovanni Petrocchi, del consiglio di Intercultura e di Chiara Mannoni referente per l’Ente del settore della formazione giovanile. Con la presenta della famiglia di Mirko

Due note su Intercultura

Intercultura promuove e organizza scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno circa 1800 ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all’estero ed accogliendo nel nostro paese un migliaio di giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo.