Novecento sedotto

novecento_sedottoIl fascino del Seicento tra le due guerre da Velázquez ad Annigoni
a cura di Lucia Mannini, Valentina Gensini, Anna Mazzanti
con il coordinamento scientifico del Prof. Carlo Sisi
Museo Annigoni di Villa Bardini, Firenze
PROROGATO FINO AL 7 GIUGNO 2011

Nella splendida cornice di Villa Bardini, la mostra affronta un tema inedito di grande rilievo per l’arte del XX secolo: la riscoperta del Seicento da parte di critici e artisti in Italia negli anni tra le due guerre.

Dagli anni Venti, con la grandiosa Mostra del Sei e Settecento tenutasi a Palazzo Pitti nel 1922, contro la quale si scagliò De Chirico inaugurando la querelle sulla mania del Seicento, fino agli anni Quaranta, con le inchieste sul Barocco, cui contribuirono intellettuali filosofi e artisti, il fascino del Seicento influenzò la ricerca di un nuovo rapporto con la Realtà. Lo testimoniano tele, tavole, affreschi staccati, esposti accanto ad opere significative del Seicento, tra Caravaggio e Velàzquez, con le quali intrecciano un intrigante dialogo.

nov_sed_2Il percorso indaga il tema del sacro, alla pittura di figura e “generi” magistrali come la natura morta e il paesaggio.
Il contesto artistico dell’epoca è testimoniato da opere significative di Primo Conti, Felice Carena, Baccio Maria Bacci, Achille Funi, Cipriano Efisio Oppo, Carlo Socrate, Armando Spadini, Giorgio De Chirico, Gregorio Sciltian, Antonio Bueno e Pietro Annigoni.

Informazioni: www.museoannigoni.it