OmA – IV Convegno Internazionale

oma_2009La lana. Filiera del tessile sostenibile
Firenze, 15 maggio, Palazzo Corsini sul Prato, ore 9.00 – 12.30

Il convegno vedrà la partecipazione di rappresentanti dell’Unione europea, delle istituzioni e dei maggiori esperti di produzione, marketing, ricerca, formazione e occupazione della filiera del tessile italiano.

Un confronto fondamentale sarà quello tra saperi locali, artigianato, moda e strutture museali con l’esperienza delle microfiliere e con esempi di successo del comparto tessile/moda nazionali. A fine convegno verranno presentate le prime Borse Lavoro OmA.

Il giorno seguente, sabato 16 maggio 2009 sarà organizzato un tavolo di lavoro riservato ad esperti del settore per discutere il tema del tessile sostenibile e considerare i punti di forza e di debolezza elaborando un modello di rete.
Perchè un convegno sulla filiera sostenibile?
2009 Anno della Fibra naturale
Il 22 gennaio 2009, presso la sede FAO di Roma, si è ufficialmente inaugurato l’anno internazionale delle Fibre Naturali. Convegni internazionali, workshop, sfilate, mostre ed eventi di vario genere che si terranno in tutto il mondo nel corso di quest’anno, mirano a stimolare l’interesse da parte del pubblico nei confronti della fibra naturale, rafforzare le piccole e medie imprese impegnate nella sua produzione e sviluppo, nonché incoraggiare i governi a mettere in atto strategie appropriate a rafforzare questo genere di produzioni.

Ad oggi si stima che siano oltre 30 milioni le tonnellate di fibra naturale prodotte annualmente nel mondo, circa due i milioni di persone impegnate nella loro produzione, trasporto e commercializzazione.

Le fibre naturali rappresentano dunque un’alternativa sempre più importante nella fabbricazione di tessuti da utilizzare in tutti i settori del tessile, dall’abbigliamento, all’arredamento, al rivestimento.
Perché scegliere la fibra naturale?
L’utilizzo delle Fibre Naturali si configura come vettore di crescita e sviluppo del settore agricolo, valido sostegno ai paesi più poveri del mondo, contributo fondamentale alla tutela dell’ambiente. Particolarmente importante risulta dunque un’azione di sensibilizzazione nei confronti di un acquisto più consapevole e ragionato da parte dell’utente finale.

Un prezioso apporto in questo senso viene dalla crescente diffusione negli ultimi anni dell’«eco fashion», l’utilizzo della fibra naturale da parte dei principali brand della moda internazionale. Tuttavia, il più che soddisfacente successo di pubblico e di vendite dell’eco fashion, non ha comportato un adeguato sviluppo del settore della fibra naturale.

Recenti indagini hanno dimostrato quanto ancora l’opinione pubblica sia disinformata su questi argomenti. L’anno internazionale della fibra naturale mira dunque a portare all’attenzione mondiale la necessità di consentire un adeguato sviluppo di queste produzioni, sensibilizzando governi, aziende, singoli ad operare delle scelte più consapevoli e ragionate.

www.osservatoriomestieridarte.it