Vie Romee: ecco il pellegrino ‘multimediale’

vieromee2Cartoguide escursionistiche aggiornabili sul web e sito interattivo per i pellegrini ‘multimediali’ che desiderano percorrere le  sei antiche Vie Romee nell’antico contado fiorentino che, assieme alla Via Francigena, erano percorse nel Medioevo da coloro che si recavano a Roma, una delle tre mete sacre di pellegrinaggio della cristianità insieme a Gerusalemme e a Santiago di Compostela.

I nuovi strumenti multimediali sono stati realizzati dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e sono stati presentati stamani alla stampa, tra gli altri, dal presidente dell’Ente Cassa Michele Gremigni, dall’assessore regionale alla cultura e turismo Cristina Scaletti, dall’assessore provinciale al turismo Giacomo Billi.

L’Ente Cassa e’ infatti promotore del progetto che coinvolge anche la Regione le tre Province, Arezzo, Firenze e Siena, le diocesi di Firenze e Fiesole, l’Università di Firenze, l’Istituto Geografico Militare, 48 Comuni interessati, la sezione Toscana del Club Alpino Italiano. Il progetto si inserisce negli obiettivi di valorizzazione delle vie di pellegrinaggio e della via Francigena della Regione Toscana.  Finanziate dall’APT di Firenze, le due cartoguide, di grande formato (80×110 centimetri), sono edite da Multigraphic in 5.000 copie ciascuna (saranno in vendita al costo è di 7,50 euro l’una negli uffici di informazione turistica e nelle librerie specializzate) e indicano, in scala 1:50 mila, i percorsi escursionistici specificando le tappe, i luoghi di interesse storico artistico e paesaggistico più significativi, le curiosità, i posti di ristoro e ospitalità, nonché indicazioni tecniche per affrontare il percorso. La prima carta illustra, su un lato, gli itinerari da Firenze ad Arezzo attraverso la via Aretina e la strada dei Setteponti e, sull’altro, l’itinerario Firenze-Appennino attraverso la via Bolognese. La seconda carta documenta il percorso Firenze-Siena attraverso la Valdelsa (su un lato) e il Chianti (sull’altro) oltre all’itinerario urbano fiorentino da Porta San Gallo (presso Piazza della Libertà) a Porta Romana e transitante per il nucleo più antico di Firenze ‘riscoprendo’ gli antichi ‘spedali’ dislocati lungo il percorso. Le mappe contengono il codice QrCode che consente il continuo aggiornamento dell’itinerario attraverso internet.

Il sito www.vieromee.it aiuta il pellegrino/viaggiatore in ogni fase del viaggio, dalla pianificazione al ritorno a casa, grazie ad una serie di funzionalità avanzate. La struttura modulare di contenuti composta da oltre 1500 schede informative consente la fruizione di testi, immagini, video, documenti, tracciati GPS sempre aggiornati, relazionati tra loro e totalmente georeferenziati. Attraverso il sistema web di visualizzazione delle mappe di Google che integra le risorse gereferenziate dell’archivio è possibile una navigazione evoluta sui computer e sui cellulari che permette di percorrere il territorio, di visualizzare gli itinerari, le tappe, i POI (Punti di interesse), di calcolare percorsi e di creare itinerari personalizzati. Tutto “on the road” sul proprio supporto mobile che, grazie gli strumenti di social network, consente anche una condivisione immediata della propria esperienza di viaggio. Un sistema web di valore, progettato e implementato da Sesamo Comunicazione Visiva, che va oltre i confini italiani grazie alla connessione con il Portale unico della Via Francigena che inserisce le Vie Romee all’interno dell’ampia rete di itinerari culturali internazionali e promuove il territorio dell’Antico Contado Fiorentino a livello europeo.

Per percorrere le Vie Romee lungo i 560 chilometri dell’Antico contado fiorentino, l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze ha inoltre previsto un sistema di segnaletica conforme alle regole previste dalla RET (Rete Escursionistica Toscana) che è in corso di attuazione grazie alla collaborazione con il CAI Regionale.
La pubblicazione, ‘Vie Romee. Gli itinerari dei pellegrini nel contado fiorentino’, a cura di Renato Stopani ed edita dalla Casa Editrice Le Lettere, è un altro prezioso strumento di guida prodotto da Ente Cassa di Risparmio di Firenze per accompagnare il pellegrino nel suo cammino.

‘’Ciò che presentiamo stamani – ha osservato il presidente del’Ente Cassa di Risparmio di Firenze Michele Gremigni – è un ulteriore segnale della nostra grande attenzione al territorio e alle diverse modalità che possono contribuire ad una sua più approfondita conoscenza. In questo caso, attraverso la valorizzazione delle vie di pellegrinaggio, favoriamo lo sviluppo di un aspetto assai peculiare e allo stesso tempo innovativo del turismo, quello lento e sostenibile, che permette di conoscere e di vivere davvero il territorio. Naturalmente, abbiamo voluto offrire al pellegrino/viaggiatore nuovi strumenti multimediali che possono meglio aiutarlo nel suo tragitto. Percorrere queste strade che sono state solcate secoli fa da migliaia di persone suscita certo una grande emozione ed è anche una preziosa occasione per visitare luoghi e strutture che forse non avremmo mai potuto incontrare se non con questa modalità. Le tradizioni cristiane dell’Europa, che sono alla base della riscoperta del Cammino di Santiago, della Via Francigena e delle altre vie romee, ci permettono di riscoprire una prospettiva di viaggio antica che oggi rappresenta una proposta innovativa contro la logica del turismo di massa”.

‘’Ritengo particolarmente valido questo progetto – ha dichiarato l’assessore regionale alla cultura Cristina Scaletti – in quanto si muove sulla linea del turismo competitivo ma sostenibile attraverso l’utilizzo di tutti gli aspetti di eccellenza che il nostro territorio ci mette a disposizione e che rappresentano una risposta concorrenziale alla competizione in atto sul mercato turistico mondiale. Possiamo infatti comunicare ai turisti che non solo vi illustriamo la Toscana, ma vi aiutiamo a scoprirla. E siamo favoriti in questo processo dal recupero di tradizioni importanti come lo sono le Vie Romee e la Via Francigena su cui è in atto un altro importante progetto specifico’’.

‘’Il turismo in provincia di Firenze – ha sottolineato l’assessore provinciale al turismo Giacomo Billi – cresce da 18 mesi e, in questo scenario favorevole, il nostro obiettivo non è tanto l’aumento del numero di presenze quanto l’incremento di permanenza media che è di 2,6 notti in città e 3 in provincia, per contrastare il fenomeno del turismo ‘mordi e fuggi’ che consuma la città e non permette di apprezzarla. Questa iniziativa rientra pienamente in questa tipologia di turismo che vogliamo favorire e rappresenta anche una felice e concreta attuazione di quel gioco di squadra da tutti invocato ma non sempre praticato’’.

Alla conferenza stampa sono intervenuti anche Alessandra Cavallini, responsabile del progetto Vie Romee; Daniele Casprini della Sesamo Comunicazione Visiva; Lara Fantoni dell’ Assessorato al Turismo della Provincia di Firenze