‘Firenze com’era’ nelle vedute di Fabio Borbottoni

Firenze Capitale

Ente Cassa di Risparmio di Firenze / Firenze Capitale / ‘Firenze com’era’ nelle vedute di Fabio Borbottoni

Firenze: ‘fotografia’ di una città tra storia e attualità

La Collezione Borbottoni ed altre vedute dalle Raccolte d’Arte dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze in occasione del 150° anniversario di “Firenze Capitale” con la Sezione Didattica della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze in  collaborazione con l’Istituto Geografico Militare

Nell’ambito del progetto promosso e finanziato dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze per ricordare il 150° anniversario del trasferimento della capitale da Torino al capoluogo toscano nel 1865, l’Ente organizza la mostra “Firenze: ‘fotografia’ di una città tra storia e attualità. La Collezione Borbottoni ed altre vedute dalle Raccolte d’Arte dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze in occasione del 150° Anniversario di Firenze Capitale”.

Con tale iniziativa, curata da Emanuele Barletti e con la partecipazione della Sezione Didattica del Polo Museale Fiorentino e la collaborazione dell’Istituto Geografico Militare, si intende proporre all’attenzione del pubblico innanzitutto la singolare collezione di 120 vedute del centro di Firenze dipinte da Fabio Borbottoni (1823-1901) in più periodi a partire dalla metà circa dell’Ottocento, che documentano la vecchia capitale del Granducato come appariva poco prima delle grandi trasformazioni urbanistiche che ne avrebbero trasformato irreversibilmente il cuore antico nonché i principali snodi viari e in buona parte il paesaggio stesso: le mura e le porte della città, l’antico quartiere del Ghetto attorno a quella che oggi è Piazza della Repubblica, i ponti cittadini che attraversano il fiume Arno sono alcuni degli elementi identificativi illustrati dal Borbottoni e pertinenti ad un assetto urbano consolidato nei secoli attraverso successive stratificazioni, poi sensibilmente modificato alle luce delle nuove esigenze imposte dall’evoluzione dei tempi.

La circostanza di Firenze Capitale non fu certo il motivo principale di tali trasformazioni, promosse a più riprese negli anni precedenti, ma certo ne accelerò il processo con la demolizione delle mura e la creazione dei viali di circonvallazione nel corso degli anni ’60 del sec. XIX secondo il piano predisposto dall’architetto Giuseppe Poggi.

Scopo dei curatori non è tanto quello di esporre pedissequamente i vari momenti di un simile passaggio storico, quanto piuttosto di evocare delle emozioni nel rapporto visivo tra la città antica, vista attraverso gli occhi di Fabio Borbottoni e di altri vedutisti presenti nelle raccolte d’arte dell’Ente, e la città attuale rivisitata nei suoi simboli cosiddetti moderni dalle fotografie realizzate appositamente per la mostra da Saverio De Meo, in un confronto quindi non necessariamente nostalgico tra passato e presente, ma impostato nell’ottica di  visualizzare realtà che sono andate evolvendosi.

La partecipazione al progetto della Sezione Didattica del Polo Museale Fiorentino, con la direzione di Maria Paola Masini e l’apporto di Maria Letizia Regola ed Elisa Marchi, è volta a sottolineare il forte valore divulgativo della mostra e a promuoverla presso pubblici specifici: la scuola e le famiglie. A tal fine sarà curato un programma di visite guidate nel corso delle quali gli operatori didattici si avvarranno di una apparecchiatura informatica (touch screen) per una lettura multimediale inerente le trasformazioni subite dalla città prima e dopo l’unità d’Italia. Il percorso si svolgerà come una sorta di ‘passeggiata’ nella Firenze antica ai tempi della sua elezione a capitale guidati dalle vedute di Fabio Borbottoni, grazie alle quali sarà possibile ricostruire una storia ai più giovani spesso non nota; agli studenti in visita verrà consegnata una mappa da utilizzare in città per ritrovare i luoghi simbolo della Firenze di ieri e di oggi, immortalati anche dalle foto esposte in mostra.

La presenza inoltre dell’Istituto Geografico Militare, con cui in passato l’Ente ha condiviso importanti progetti culturali, si focalizza sull’opportunità di assicurare alla mostra fondamentali testimonianze planimetriche di Firenze che documentano i cambiamenti intervenuti nell’assetto urbanistico, in particolare, tra il 1843 e il 1870.

Info e orari

Mostra in sede Ente Cassa
Via Bufalini 6, Firenze.
Dal 17 febbraio al 5 aprile
Scopri di più

Scuole

Proposta della sezione didattica per le scuole alla scoperta di Firenze Capitale
Scopri di più

Percorso di visita

Un viaggio nella Firenze dipinta dal Borbottoni, attraverso i luoghi e i monumenti
Scopri di più

Firenze Capitale: tutte le iniziative

Una Capitale e il suo architetto

Mostra dell’Archivio di Stato
Dal 3 febbraio al 6 giugno

Scheda

‘Firenze com’era’ nelle vedute di Fabio Borbottoni

Mostra in sede Ente Cassa
Dal 17 febbraio al 5 aprile

Scheda

Iniziative della Comunità ebraica

Conferenze al Tempio Maggiore
Dal 15 gennaio al 19 novembre

Scheda

Giornata di studi al Museo di Casa Martelli

Al Museo di Casa Martelli
22 ottobre

Scheda

Convegno all’Accademia delle Belle Arti

Aula della Minerva
26 novembre

Scheda

L’Archeologia di Firenze Capitale d’Italia

Cortili del Museo Archeologico
24 settembre

Scheda

Torna su