Presentare un progetto

Per l’anno 2017, è possibile richiedere un contributo all’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, da parte dei soggetti qualificati a presentare e realizzare progetti sul territorio toscano.

Le scadenze e le linee guida per ciascun settore sono illustrate qui

Si ricorda che il modulo di richiesta on-line sarà riattivato dal 3 al 28 ottobre 2016.
In questa sessione saranno accettate esclusivamente le domande attinenti ad iniziative che si realizzeranno nei seguenti settori d’intervento:

  • Beneficenza e Filantropia (Linee guidaverranno accettate:
    • domande inerenti le ristrutturazioni e alla messa a norma degli edifici scolastici
    • domande per la scuola e progetti educativi
  • Protezione e Qualità ambientale – Linee guida
  • Ricerca Scientifica e Tecnologica – Linee guida

Le domande dovranno essere presentate entro le ore 17.00 del 28 ottobre 2016

Chi può presentare domanda di contributo?

 Sono ammessi gli Enti che non perseguono finalità di lucro e che svolgono attività coerenti con le finalità statutarie della Fondazione

 Sono ammesse le Cooperative sociali di cui alla legge 8/11/1991, n. 381 e delle imprese sociali di cui al D. Lgs. 24/3/2006, n. 155, delle cooperative dell’informazione, del tempo libero e dello spettacolo di cui al DL 18.5.2012 n.63 convertito dalla L. n.103/2012.

La Fondazione non può invece erogare contributi, direttamente o indirettamente, ad enti con fini di lucro, né in favore di imprese di qualsiasi natura; non eroga inoltre contributi a favore di singole persone fisiche, partiti e movimenti politici e organizzazioni sindacali o di patronato.

Costituiscono inoltre condizioni oggettive di inammissibilità*: la mancanza del rispetto della forma richiesta nella presentazione della proposta progettuale, le proposte progettuali non compatibili nei tempi e nei modi  dell’iter istruttorio e deliberativo, il perseguimento di obiettivi non compatibili con le finalità statuarie, le attività sportive non giovanili e non amatoriali.
* Qualora dovesse verificarsi la perdita dei requisiti, anche nel caso in cui vi sia un procedimento di annullamento o di revoca del riconoscimento della personalità giuridica assegnata, il beneficiario decade dal diritto a presentare il proprio progetto e all’utilizzo del contributo messo eventualmente a disposizione dalla Fondazione

Condizioni generali di valutazione

Il processo valutativo dei progetti da parte degli Organi della Fondazione è condizionato al soddisfacimento dei criteri previsti dallo Statuto e dal Disciplinare dell’attività istituzionale, di cui si raccomanda attenta lettura. Infatti è in base ad essi che si determineranno i progetti prioritari e l’entità dei relativi contributi.
La Fondazione si riserva inoltre la facoltà di valutare a suo insindacabile giudizio l’entità dei contributi stessi.

Costituiscono criteri generali di valutazione:

  • la rilevanza dell’intervento nel territorio di riferimento
  • il carattere innovativo/tradizionale dell’iniziativa
  • l’affidabililità del proponente
  • il grado di aderenza agli obiettivi e ai settori di intervento della Fondazione
  • la sussidiarietà
  • il cofinanziamento
  • il paternariato e rete
  • la modularità

Le organizzazioni che intendono presentare correttamente domanda di contributo all’Ente Cassa di Risparmio di Firenze per la realizzazione di un progetto o di un’iniziativa devono attenersi scrupolosamente al rispetto dei criteri e alle procedure descritte in questa sezione.

Nel caso in cui lo stesso richiedente presenti più domande di contributo all’interno della stessa sessione, sarà necessario indicare un ordine prioritario delle stesse.

Documenti

Documenti da allegare alla domanda – Disciplinare dell’attività istituzionale – Articoli dello Statuto dell’Ente – Leggi

Iter procedurale

Come viene attivata la procedura istruttoria, una volta che la Fondazione ha ricevuto la domanda di contributo. Leggi

Bandi

PINS II

DAL 3 AL 30 NOVEMBRE 2016: Potenziamento dell’efficacia della didattica nelle scuole attraverso percorsi formativi che coniughino l’utilizzo di nuove tecnologie con l’adozione di nuove strategie didattiche.
RISERVATO ALLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO DI FIRENZE E CITTA’ METROPOLITANA E PER I TERRITORI DELL’ARETINO E DEL GROSSETANO.

Torna su